Img
Nidi Gratis
https://www.regione.toscana.it/-/nidi-gratis
Un contributo economico alle famiglie garantito dalla Regione Toscana per la gratuità dei servizi educativi per la prima infanzia, dai nidi, agli spazi gioco, ai servizi educativi nei contesti domiciliari.
Le domande delle famiglie potranno essere presentate dalle ore 9:00 del giorno 29 maggio 2024 fino alle ore 18:00 del 27 giugno 2024, esclusivamente mediante l’accesso all’applicativo regionale:
- Applicativo regionale per la presentazione ed il monitoraggio delle domande (accesso tramite SPID, CIE, CNS);
- Guida al monitoraggio delle domande e alle dichiarazioni da sottoscrivere - bando anno educativo 2023/2024;
Questo bando è finanziato dal Programma regionale Fse+ 2021-2027, in particolare dalle risorse assegnate alla priorità 3 "Inclusione sociale" e rientra nel progetto Giovanisi, il progetto della Regione per l'autonomia dei giovani.
La Regione Toscana, grazie al contributo del Fondo Sociale Europeo, ha emanato un avviso rivolto ai Comuni finalizzato a sostenere la frequenza dei bambini nei servizi educativi per la prima infanzia (3-36 mesi) di qualità, pubblici e privati accreditati di cui al D.P.G.R. 41/r 2013 per l’anno educativo 2023/2024 (settembre 2023-luglio 2024).

L’obiettivo del provvedimento regionale è migliorare l’accesso ai servizi educativi per la prima infanzia prevenendo e combattendo la povertà educativa e l’esclusione sociale, anche per rispondere ai bisogni di conciliazione tra vita familiare e vita lavorativa, favorendo la maggiore partecipazione dei genitori, e soprattutto delle donne, al mercato del lavoro, riducendo il rischio di povertà durante l’intero arco della vita.

L'avviso regionale rientra nell’ambito del progetto “Giovani Sì” e si avvale delle risorse disponibili sul PR FSE+2021/2027- Asse 3 – Attività 3.K.6.

Chi può accedere:

I nuclei familiari con bambini e bambine residenti in Toscana, fino a 3 anni, con ISEE fino a 35.000 euro (valido e con DSU correttamente attestata).

Il requisito della residenza dovrà essere posseduto al momento della presentazione della domanda da parte del genitore/tutore.

La domanda – una per ciascun/a figlio/a -  potrà essere presentata dalle ore 9,00 del giorno 29 maggio 2023 fino alle ore 18,00 del giorno 30 giugno 2023,  sull’applicativo on-line regionale predisposto indicando il servizio educativo – nido d’infanzia o spazio gioco - presso cui è iscritto/a il/la bambino/a e che deve essere presente nell’elenco delle strutture ammesse approvato dalla Regione.

Qualora sia stata presentata una domanda di assegnazione del Bonus nido INPS, la domanda per l'accesso al contributo regionale deve essere presentata dallo stesso soggetto.

Le modalità per fare domanda sono specificate nell’avviso della Regione Toscana rivolto alle famiglie interessate pubblicato con D.D. 8526 del 24/04/2023.

COME:
La misura NIDI GRATIS prevede un sostegno alle famiglie attraverso l’applicazione di uno sconto per la frequenza dei servizi per la prima infanzia, con modalità indiretta di erogazione al Comune.

Tale sconto si applica alle famiglie richiedenti e che sono risultate assegnatarie per la quota che eccede il contributo rimborsabile da INPS, fino ad un massimo di € 527,27 per ciascuna mensilità (fino a un massimo di 11 mensilità complessive) da settembre 2023 a luglio 2024.

In pratica, il contributo della Regione integra il bonus nido erogato dall’Inps (attualmente 272,72 euro per Isee fino a 25 mila euro e 227,27 per Isee fino a 35 mila) per ridurre la quota delle rette a carico delle famiglie. Mentre però il bonus Inps viene concesso a rimborso, dopo che la retta è stata anticipata dalla famiglia, la Regione integrerà direttamente la quota che eccede il rimborso Inps, praticando così una sorta di “sconto” fino a concorrere all’intero ammontare di una retta mensile massima di 800 euro.

La quota soggetta a rimborso da parte dell'INPS dovrà pertanto essere regolarmente pagata al Comune o al gestore privato, mentre per l'importo riconosciuto quale sconto regionale la famiglia non avrà alcuna uscita di cassa.

Ovviamente è possibile fare domanda solo per il “Bonus nido nazionale” sul portale INPS o solo per la misura “Nidi gratis” sull’applicativo regionale, ma, se si possiedono i requisiti previsti, per avere il massimo beneficio possibile è opportuno fare domanda per entrambi, ottenendo così l'azzeramento completo della retta.

La misura regionale avrà un plafond massimo di risorse, per cui la presentazione della domanda con i corretti requisiti non dà automaticamente diritto all’accesso al beneficio. Verrà stilata una graduatoria sulla base dell’ISEE e sulla base di alcune priorità che sono definite nel bando rivolto alle famiglie (es. bambini disabili).

Per informazioni più dettagliate si invita a consultare il sito internet della Regione: Nidi Gratis - Regione Toscana, in particolare nella sezione "Guida per le famiglie", dove sarà presente anche il link per l'accesso all'applicativo sul quale deve essere presentata la domanda. 
img